SUPERCOPPA ITALIANA MASCHILE 2020: Intervista a Rosalba Fecchio, delegata CONI per la provincia di Novara

Abbiamo intervistato la delegata CONI della provincia di Novara, Rosalba Fecchio, che domenica – 11 ottobre – sarà presente al Palanovarello a Granozzo con Monticello (NO) per assistere alla Supercoppa Italiana

 

Come il CONI sostiene lo sport in questo periodo? Emergenza sanitaria Covid 19: come è stata affrontata?

Di questi tempi il Coni sta cercando in tutti i modi di sostenere soprattutto federazioni sportive che stanno lentamente riprendendo e che lavorano sul territorio. Queste, riscontrano numerose difficoltà per palestre che non vengono concesse a causa di fattori come: pulizia, sanificazione, pieno rispetto delle normative… Il CONI è infatti già intervenuto molto, a livello regionale e nazionale, per chiedere a comuni, province e scuole (al cui interno sono situate palestre) di mettere a disposizione spazi per potersi allenare e giocare. La ripresa per alcuni enti e società è veramente difficoltosa. A dire il vero, è da mesi che il tutto viene affrontato in maniera difficoltosa; il mondo dello sport ha pagato tanto. Mi riferisco soprattutto ad attività al chiuso e di squadra. Esempi importanti potrebbero essere la pallavolo o la pallacanestro. Si sono verificate situazioni non uniformi. Ogni federazione ha avuto la libertà di scegliere abbastanza da sé e questo ha portato a forti rallentamenti per alcuni.  Il CONI ha cercato di fare da mediatore, facendo in modo che lo sport riprendesse e non si fermasse ancora. Ovviamente si sta sempre attenti, seguendo tutte le norme sanitarie e si spera che la situazione non peggiori.

Domenica si svolgerà la finale della Supercoppa Italiana con protagonisti il Ticinia Novara e l’Ispra C5. Sarà ospite anche lei?

Sì, domenica ci sarò. Seguo molto questo sport, mi piace. Seguo il Ticinia Novara e so che ha già vinto tanti titoli. Collaboro spesso con Daniele Colognesi, il presidente del Ticinia Novara, è molto competente nel suo lavoro e si impegna anche in attività sul territorio. Apprezzo il suo grande impegno nel sociale; basta pensare alla categoria Open, mi sento ancora più coinvolta quando si parla e ci si occupa di ragazzi disabili. Per questo, posso ritenermi un po’ di parte per la partita di domenica. Credo comunque che non sarà una sfida semplice, ma anzi molto combattuta e sicuramente interessante da seguire.

Come ci si sente ad essere la prima donna al vertice del CONI Novarese?

Questa è una bella domanda. Io sono una sportiva, sono un’insegnante e questo fa sì che io abbia anche una formazione culturale riguardo lo sport. Mi sono scontrata con realtà abbastanza maschiliste. Fino a pochi anni fa, questo mondo era degli uomini. Ora i tempi sono cambiati, le donne hanno fatto, fanno e continueranno a fare sempre passi avanti, ma io ho fatto fatica ed è stata una fatica che in qualche modo non mi aspettavo. È da quando avevo 25 anni che mi ritrovo nel CONI, prima come membro dello staff e da quel che mi ricordi, certe cose non succedevano quando c’erano uomini alla guida. Sono comunque onorata del ruolo che ricopro e credo di aver fatto molto, sia per il Coni che per le donne in generale. Spero che il ruolo delle donne nello sport diventi sempre più importante.  

Intervista condotta da Melissa Crespi

 

La Supercoppa Italiana si disputerà domenica 11 ottobre alle 18.00 si terrà presso il Palanovarello del Centro Sportivo Novarello Villaggio Azzurro a Granozzo con Monticello (NO)

Per informazioni contattare la Segreteria FIFS al 349/3125140 o scrivere una mail a segreteria.fifs@gmail.com