Italia, buona la seconda! La nazionale travolge Israele per 7-2.

Egorevsk, 24 maggio 2016.

Ventidue anni dopo, l’Italia incontra nuovamente Israele. L’ultimo confronto era stato durante il campionato del mondo in Argentina nel 1994, in cui gli israeliani si erano imposti per 4-2. La storia, insomma, non ci confortava nell’avvicinamento a questa partita. A noi infatti serviva vincere per allontanare i fantasmi della sconfitta di ieri, seppur immeritata, e così è stato. Ma l’Italia non si è limitata a questo: ha vinto, stravinto e anche convinto. E’ necessario sottolineare infatti la straordinaria prova dei ragazzi di mister Del Giudice, che pure erano andati sotto al primo minuto di gioco con Israele che si porta sullo 0-1 grazie al gol di Hali. La doccia fredda non scompone però gli azzurri, che pareggiano dopo soli quindici secondi con Thiago Costa. La partita si svolge su buoni ritmi, ma Israele approfitta di una disattenzione difensiva della nostra retroguardia e si riporta in vantaggio al minuto 7 grazie alla rete di Tomer. Sembra un’altra partita difficile, ma gli azzurri si guardano negli occhi, reagiscono furiosamente e mostrano tutte le loro qualità iniziando a macinare gioco su ritmi altissimi e non concedendo più nulla agli israeliani: ancora Thiago Costa pareggia i conti al minuto 11, e Valenti ci porta addirittura in vantaggio ribadendo in rete una punizione di Villa. Dall’altra parte, Israele ci grazia sbagliando un gol a porta vuota, e con questo brivido termina anche la prima frazione di gioco con gli azzurri in vantaggio per 3-2.

Il secondo tempo inizia come si era concluso il primo: l’Italia mantiene il pallino del gioco non rischiando praticamente nulla ma nemmeno riuscendo ad andare in porta, e Israele difende con grande fisicità. La partita, in questa fase, è sinceramente bruttina. Ci pensa però l’attacco azzurro con una triangolazione spettacolare Edu Dias-Alemão-Monti a ravvivare il match e mandare in rete il numero 4 azzurro, fissando il punteggio sul 4-2. A questo punto Israele si riversa in avanti per cercare di accorciare le distanze, ma la nostra fase difensiva è ordinata e con un contropiede da manuale approfittiamo degli spazi concessi dagli israeliani per segnare la rete del 5-2 con Alemão e una manciata di secondi dopo ancora con Valenti, che ci porta sul 6-2 e si guadagna la palma di miglior giocatore della partita. A dispetto di quanto potrebbe far pensare il punteggio, però, la formazione guidata da mister Isakoov è tutt’altro che doma: serve una delle migliori parate del repertorio del nostro Gozi per tenere alta la tensione e respingere l’attacco dei nostri avversari, che, ormai sfiancati, subiscono la rete messa a segno da Licini per il 7-2 finale. Mister Del Giudice manda in campo capitan Usai per gestire il pallone negli ultimi minuti e guidare la nostra formazione alla vittoria, sancita finalmente dal triplice fischio del signor Shupilov. L’Italia trionfa così in una partita non semplice contro degli avversari tosti, combattivi e determinati: i nostri ragazzi a questo punto riposeranno in attesa del risultato della partita di domani tra Israele e Repubblica Ceca, decisiva per sapere chi passerà come prima il gruppo A.

Cosa ci ha detto questa partita? Sicuramente che l’Italia ha carattere: oggi non era possibile sbagliare a causa della sconfitta di ieri contro la Repubblica Ceca, e i ragazzi di mister Del Giudice non l’hanno fatto, sapendo ben gestire la pressione derivante da questa consapevolezza e aggravata dal doppio svantaggio che avrebbe potuto far saltare i nervi. Gli azzurri invece hanno saputo reagire con determinazione e consapevolezza nei propri mezzi, riversando di fatto la pressione sulle spalle dei cechi, che a questo punto dovranno vincere a tutti i costi domani per avere la certezza del passaggio come primi della classe nel nostro girone.

 

Marcatori: Hali 1′ (Israele), Thiago Costa 2′ e 11′ (Italia), Tomer 7′ (Israele), Valenti 17′ e 33′ (Italia), Monti 32′ (Italia), Alemão 33′ (Italia), Licini 38′ (Italia).

 

Classifica Gruppo A: Italia 4 (una partita in più, ndr), Repubblica Ceca 2 (una partita in meno, ndr), Israele 0.